gennaio 20, 2012

Insalata Deluxe



Dopo aver sostenuto l'ultimo esame all'università prendendo un meraviglioso 27, verso mezzogiorno, dalla contentezza mi sarei fermato a mangiare prima un kebab girato l'angolo, tanto per gradire, come antipasto e, a chiudere, due calzoni della pizzeria al taglio "La Piramide" in via Po, nella quale un tempo, neanche troppo remoto, solevo sostare volentieri a pranzo se mi trovavo a passare da quelle parti.
Invece ho resistito a quel improvviso desiderio non comprendendo quello "sgarro" inappropriato  e sono rimasto mentalmente in Zona. Percorrendo la via Garibaldi per intero sono arrivato al mercato di corso Palestro per dare un'occhiata alla verdura. Mi sono voluto viziare: "visto che non mi strafogo di farinacei, almeno scelgo la merce migliore, no?", mi sono detto, tanto da sostare davanti ad un banco di frutta e verdura frequentatissimo, con molta coda e conseguente attesa infinita, con prezzi da gioielleria. Arrivato il mio turno, passati diversi minuti e spinto da decine di madamine indecenti e rozze, ignare che l^ ci fossi io e che sembravano badare molto poco alle buone maniere. Ho iniziato: "Un po' di quello, un ciuffo di quell'altro. Ecco, anche questo!". Non mi accontento mai, devo strafare pure per una semplice insalata di lusso. Morale della favola: tre tipologie diverse di pomodori (camone, piccadilly e cuore di bue) per assaggiare un po' l'uno e un po' l'altro, 4 finocchi grandi e maschi (dei veri e propri finocchioni), un manigotto, insalatina locale, un cespo di "Romana", qualche ciuffo di spinacino baby, trevisana, valeriana, "Sarset" micro, un cipollotto di Tropea, un peperone giallo e uno rosso, due pere "Decana" molto mature da mangiare in giornata, di quelle succosissime che quando le mangi ti colano fino ai gomiti. Questo scherzetto mi è costato 18 euro. E scusate se è poco.
Tornato a casa ho preparato il tutto, mettendoci tutta la pazienza di Giobbe possibile per lavare le differenti varietà di foglie; lava che ti rilava, si sono fatte le 14,30 e solo allora il pranzo era pronto, ma non "servito". Ho grigliato il seitan e sono arrivato alla conclusione che è la maniera migliore per gustarlo. Ho aggiunto al pasto 100 gr di lupini perché ho letto da qualche parte che le proteine del seitan devono essere completate da quelle dei legumi.

Nessun commento: