settembre 19, 2011

Ci mancava solo questa!

Per la serie "tutto fa brodo" (quando si è disperati, si sa, ci si affida pure alle maghe e alle cartomanti...), mi sono infognato in un'altra inspiegabile fissa nutrizionistica, non so come, digitando su Google "Intolleranze alimentari+ gruppo sanguigno". Dopo aver perso 34 chili con la Dieta a Zona, ora suffragata pure da questi recenti studi che affermano il gruppo ZERO essere particolarmente adatto al regime del Dr. Sears o anche alla Atkins, alle "paleolitica" o alle "iperproteiche" in generale. Ecco perché la risposta del mio organismo alla rivoluzione alimentare messa in atto un anno fa è stata subitanea, rapida e precisa. Sembrerebbe, infatti, che gli appartenenti a questo gruppo, capostipite di tutti gli altri e più antico, abbiano il profilo dell'uomo primitivo, predatore, cacciatore ed atletico, il quale necessiterebbe soprattutto di proteine per sopravvivere e svolgere attività pesanti. In più questa fattispecie umana non dovrebbe sfiorare, neppure col pensiero, i cereali (predisposizione alla Celiachia) e i latticini! Iniziamo bene...
Forse le teorie descritte nel suo libro "Eat Right 4 Your Type", dal naturopata americano di origine italiana, il Dr. Peter D'Adamo, non sono ancora provate al 100%, lo studio è incompleto e non approvato totalmente in campo scientifico e sondaggistico, fatto sta che sono studi ammalianti e di grande interesse, soprattutto perché oggi è difficile non incappare in allergie o non fare i conti con le intolleranze alimentari, dovute spesso ad una manipolazione industriale dei cibi sempre più selvaggia che abbassa fortemente il livello della genuinità degli stessi.
I suoi detrattori lo criticano fortemente affermando che, in base a queste teorie, tra gli appartenenti al gruppo B (i quali potrebbero liberamente mangiare latte e prodotti caseari a volontà) non dovrebbero esserci allergici o intolleranti al latte. Invece non è così.
Quindi stasera ho fatto una spesa al supermercato, se vogliamo, anche abbastanza triste, visto che sembrava di non potermi permettere nulla, tenendo conto di cosa potessi o non potessi mangiare. Secondo queste ricerche chi, come me, ha il sangue appartenente al gruppo 0:

NON TOLLERA:
- Tutti i prodotti caseari e derivanti da frumento, ai quali il suo sistema digestivo non si è ancora completamente adattato.
Il maggior responsabile de suo aumento di peso è il glutine contenuto nel germe di grano e, più in generale, nei prodotti a base di frumento.
- Fagioli di Spagna, fagioli bianchi, lenticchie.
- Cavolfiore, cavolo bianco e rosso cavolini di Bruxelles, senape.
- Maiale, oca, salumi ed insaccati in genere.
- Aringhe in salamoia, polpo, caviale, salmone affumicato.
- Tutti i formaggi, compreso lo yogurt.
- Arachidi e pistacchi.
- Patate e melanzane.
- Mais.
- Arance, mandarini, fragole, noci di cocco, avocado.
- Pepe bianco e nero, aceto.
- Olio di arachide e mais


DA PREFERIRE:

- Alghe marine, pesci e frutti di mare, sale iodato perché contengono lo iodio per la funzionalità tiroidea.
- Verza, spinaci, broccoli.
- Carne rossa: manzo, vitello, agnello.
- Anatra, coniglio, pollo, quaglia, tacchino.
- Fiocchi di latte, formaggio di capra, latte e formaggi di soia, mozzarella.
- Semi e frutta secca.
- Ceci, fagiolini con l'occhio, cannellini, fagioli rossi, fave, piselli, fagiolini.
- Fegato perché contiene vitamina B che attiva il metabolismo.
- Prugne secche e fresche, fichi
- Prezzemolo, pepe di Cayenna, curry.

Questa è una prima lista che mi riprometto di approfondire. Per ora gli interrogativi che nascono spontanei sono due: perché la mozzarella si può mangiare? E come accidenti si cucinano le alghe??

2 commenti:

Flavio ha detto...

Però non è giusto.. In quello che non tollero c'è metà della roba che mangio e che adoro!!!

Biagio ha detto...

Già, non è giusto, ma necessario, se non indispensabile.