aprile 01, 2009

茶.

Questo ideogramma viene pronunciato TEI in cinese, nella parte meridionale della regione del Fujian, e da questa pronuncia derivano i termini che identificano la bevanda in : malese, danese, inglese, spagnolo, svedese, yiddish, cingalese, tamil, coreano, finlandese, francese, lettone, tedesco, olandese e ungherese. Un'altra resa del carattere è in cantonese cha da cui deriverebbero giapponese, persiano, arabo, turco, russo, portoghese, ceco, slovacco, hindi e tibetano.
Il maggior produttore di tè è la Cina, seguita dall'India e dal Giappone. In Europa viene coltivato nelle isole Azzorre.
In Gran Bretagna è una bevanda simbolo e viene consumato alle 17, si parla infatti della "Civiltà delle cinque". Quasi tutte le attività si fermano per assaporare questa irrinunciabile bevanda.
Il tè è nemico della fretta (viene consumato con una concezione diametralmente opposta al caffè) : nasce in oriente come bevanda da meditazione, a sugello dell'amicizia, a corollario dell'ospitalità. Il consumo stesso della bevanda è intriso di gestualità, di ritualità in popolazioni come il Giappone, l'India, la Cina, la Russia. In Russia il simbolo che lo rappresenta è il Samovar, un contenitore metallico che viene utilizzato per l preparazione della bevanda. Si impreziosisce di pietre preziose in quelli appartenenti alla corte degli Zar.
Le numerose miscele in commercio sono prodotte utilizzando due specie: la camelia Sinensis, più pregiata, è un cespuglio multifusto, e la camelia Assamica, la prima originaria della Cina e la seconda dall'India.
Dal terzo anno di vita della piantina si può iniziare a raccogliere le foglioline.
La varietà cinese si coltiva in Cina, India, Sri Lanka, Giappone e Kenya. Quella indiana invece nelle aree denominate Assam, Darjeeling, Nilgiri.
I quattro tipi di tè più comuni sul mercato sono: il tè nero, l'oolong, il tè verde e il tè bianco.
Il tè verde è anche detto non fermentato, il tè nero è fermentato e subisce una lavorazione che consta di 4 fasi: appassimento, arrotolamento, fermentazione e essiccazione. La fermentazione è un processo naturale di ossidazione.
Le varietà in commercio più importanti sono:
- English Breakfast
- Earl Grey: Tè nero proveniente principalmente dalla Cina, aromatizzato al bergamotto. Carattere leggero, sapore delicato dal sentore di agrumi.
- Lady Grey: Tè nero proveniente principalmente dalla Cina, aromatizzato al bergamotto, arancia e limone. Carattere leggero, sapore brillante e fragrante.
- Lemon Scented: Tè nero proveniente dallo Sri Lanka, aromatizzato con limone. Carattere medio, particolarmente dissetante.
- Prince of Wales: Tè nero (miscela esclusiva di Twinings) proveniente dalla Cina, non aromatizzato. Carattere medio, dal sapore pieno e corposo, con le caratteristiche del Keemum ed un pizzico di Oolong.
- Darjeeling: Tè nero proveniente dalle pendici dell'Himalaya (nord-est dell'India), non aroTè nero proveniente dalle pendici dell'Himalaya (nord-est dell'India), non aromatizzato. Carattere leggero, gusto delicato e morbido, con sentore di uva moscata.
- Pu-Erh: Tè verde post-fermentato proveniente dalla Cina, regione dello Yunnan. E’ sottoposto ad una doppia fermentazione che lo rende ricco di antiossidanti. Abitualmente viene chiamato tè rosso per il colore che assume durante l’infusione. Carattere leggero, sapore di mosto autunnale dal retrogusto dolce.
- Ceylon Orange Pekoe: Tè nero proveniente dalla regione di Dimbula, nello Sri Lanka, non aromatizzato. Carattere medio, sapore delicato.
- Java Green: Tè verde proveniente dall’Indonesia (isola di Giava). Sapore delicatamente astringente e dissetante.
- Gunpowder Green: Tè verde proveniente da Indonesia e Cina. Sapore rinfrescante e caratteristico.

Aspetti tecnici: per il servizio del tè in bustina è sufficiente sapere che la stessa deve essere lasciata in infusione per un tempo che varia dai 3 ai 5 minuti, tenendo presente che una maggiore attesa rischierebbe di far fuoriuscire i tannini (rendendo il tè astringente o peggio allappante) non sempre graditi.
Maggior cura si deve dare al servizio del tè sfuso che è certamente più elegante, ma che necessita senza dubbio di strumentazione appropriata. Innanzitutto un servizio in fine porcellana sarebbe da preferire alle più grossolane tazze in ceramica da cappuccino, quasi indistruttibili. Si potrebbe scegliere tra le numerose case famose in tutto il mondo, di primo acchito ricordo: la Royal Copenhagen, Limoges, Villeroy & Boch, Sèvres, Mikasa, Richard Ginori, Eschenbach, Royal Albert, Rosenthal e la fornitrice della casa reale inglese, Wedgwood.
Sul vassoio non dovranno mancare: teiera, tazze, zuccheriera, rondelle di limone, bricchetto di latte (freddo), scelta di almeno 4 tipi differenti di tè nelle appositi contenitori (in inglese si chiamano CADDY ed esiste intorno a questi oggetti un vero e propria febbre da collezionismo).
Per il quantitativo di prodotto da servire, la regola è: inserire un cucchiaino di tè a persona più uno per la teiera. Lasciare in infusione da un minimo di 3 ad un massimo di 7 minuti (per le miscele con foglie grandi).


« Le circostanze nelle quali si beve hanno motivi profondi! Per placare la sete si beve acqua, per dareconforto alla melanconia si beve vino, per scacciare il torpore e la sonnolenza si beve tè. »


(Lù YǔChájīng cap. VI))





Approfondimenti obbligatori:
http://teacaddy.czi.cz/
- http://www.twinings.com/it/index.php
- http://it.wikipedia.org/wiki/Twinings
- http://www.guidaacquisti.net/alimenti/te.html
- http://www.beverfood.com/v2/smartsection+print.itemid+3.htm
- http://www.thetea.it/homepage.html
- http://www.rosenthal.it/
- http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/c/cd/Samovar_%28PSF%29.png
- http://www.chgs.umn.edu/museum/responses/fluek/images/samovar.jpg
- http://www.iranianpainting.com/images/still_life/Still_life_with_Samovar0002.jpg
- http://www.aranykaviar.hu/images/photos/4_700.jpg
- http://wpcontent.answers.com/wikipedia/commons/thumb/a/a5/Golden_samovar.jpg/300px-Golden_samovar.jpg
www.justafiveoclocktea.wordpress.com
http://en.wikipedia.org/wiki/Tea_caddy
http://www.the-tea-caddy.com/
http://www.accademiaferri.net/categories/23-abbinamento-biscotti-te
http://ricettedicultura.blogspot.com/2012/03/amaretti-morbidi-al-limone-e-te-nero
http://www.coccole.it/it/te.html
http://ricettedicultura.blogspot.com/2012/02/cuori-al-te-e-cuori-di-teverde.html
http://it.wikipedia.org/wiki/Sh%C3%A9nn%C3%B3ng
http://it.wikipedia.org/wiki/Storia_del_t%C3%A8_in_Cina
http://it.wikipedia.org/wiki/Storia_del_t%C3%A8_in_Occidente

Mi preme ricordare a tutti gli allievi che i lemmi sottolineati o di colore più chiaro sono cliccabili e rimandano ad un hyperlink che è, quanto meno, da leggere obbligatoriamente!

2 commenti:

Carlotta ha detto...

Tra gli approfondimenti, vorrei segnalare anche il mio blog interamente dedicato al mondo del tè e aggiornato, come da buona tradizione inglese, alle 17:
www.justafiveoclocktea.wordpress.com

Biagio ha detto...

Grazie! Ora lo aggiungo.